Il mio vestito è appeso là, 1933 Frida Kahlo

Il mio vestito è appeso là 1933 Frida Kahlo

Dopo più di tre anni di permanenza negli Stati Uniti, Frida iniziò a valutare disperatamente il ritorno in Messico. Ma suo marito, Diego Rivera, godeva della notorietà e della moda che aveva guadagnato da questo stato e non voleva tornare. Questo dipinto è la conclusione di questo confronto. Frida Kahlo stava cercando di incarnare la superficialità del capitalismo yankee. Questa immagine è piena delle icone della moderna società industriale americana, ma implica che la società sta decadendo e i valori umani essenziali sono rovinati. In contrasto con questo dipinto, suo marito Diego Rivera stava lavorando a un murale al Rockefeller Center per testimoniare la sua approvazione dello sviluppo industriale negli Stati Uniti.

A differenza degli altri suoi dipinti con il viso sempre in mostra, questo dipinto manca dell’elemento focale di Frida Kahlo. Disegna solo i suoi vestiti appesi lì vuoti e soli con il groviglio sullo sfondo. Sembra che stesse dicendo “Potrei essere negli Stati Uniti, però solo il mio vestito è appeso lì, la mia vivacità è in Messico”.

Frida ha iniziato questo dipinto mentre era ancora a New York e l’ha finito dopo che lei e Diego sono tornati in Messico. Ha segnato questo dipinto sul retro con il gesso e ha incluso l’incisione: “L’ho dipinto a New York quando Diego stava dipingendo il murale al Rockefeller Center”. In questo caso, il dipinto dell’artista è stato affidato al dottor Leo Eloesser di San Francisco, che era il consulente medico di fiducia di Frida. Quando il dottor Eloesser morì nel 1976, diede il piatto alla sua amica Joyce Campbell. Nel 1993, Campbell ha venduto la tintura solo prima che ci fosse un mercato di successo per le opere di Kahlo.

Torna su