Autoritratto con una scimmia, 1940 Frida Kahlo

Autoritratto con una scimmia 1940 Frida Kahlo

L’opera di Frida Kahlo, una delle artiste più stravaganti del 20° secolo, attira l’attenzione degli amanti dell’arte per la sua originalità e il gioco di colori. Il difficile destino di Frida ha lasciato un’impronta non solo sul suo stile di disegno, ma anche sulla scelta delle scene per i dipinti. Dopo un terribile incidente d’auto, che la costrinse a sdraiarsi a lungo, Kahlo decise di imparare le belle arti. Ha dipinto i suoi quadri su una barella attaccata al letto.

Il genere preferito di Frida era l’autoritratto: passava molto tempo a guardarsi allo specchio e ad analizzare la propria sofferenza fisica e mentale, trasferiva sulla tela ciò che vedeva. Così è apparsa l’immagine di Frida Kahlo. Frida Kahlo, Autoritratto con scimmia 1940, con una descrizione di cui vi invitiamo a conoscere.

La tela mostra una giovane donna con una scimmia che fa capolino da dietro la sua spalla destra. Lo sfondo dei modelli è costituito da fitti boschetti di cespugli con grandi foglie verde scuro. Si può presumere che “Autoritratto con una scimmia” sia più un’immagine cerimoniale, poiché Frida Kahlo si disegnava con abiti eleganti decorati con un bordo dorato. L’espressione sul viso della donna è severa e solenne, lo sguardo è rivolto allo spettatore, ma allo stesso tempo è diretto verso l’interno. I suoi lussuosi capelli neri sono disposti in una strana acconciatura, decorata con un nastro rosso brillante, come un amuleto attorno al collo di Frida e che lo collega a una scimmia. L’animale afferrò la sua padrona con le zampe, come se cercasse protezione da lei.

Nel dipinto di Frida Kahlo “Autoritratto con scimmia” 1940, come in altre opere di questo artista, c’è il simbolismo. Due anni dopo l’incidente, ha incontrato il famoso artista Diego Rivera, che aveva quasi il doppio della sua età. La loro relazione era molto complicata: Rivera era spesso assente da casa, il che dava a Freida motivo di gelosia. L’artista ha lanciato la sua angoscia mentale sulla tela, raffigurandosi circondata da animali domestici: le scimmie e i cani Changito del signor Xolotl. Il nastro che le decorava i capelli e la ricerca degli animali simboleggiava non solo il legame tra loro e la padrona di casa, ma li abbinava, ma sottolineava anche la solitudine di Frida Kahlo.

Frida Kahlo “Autoritratto con scimmia”, scritto nel 1940 nel genere dell’arte popolare, è una di quelle tele che racconta allo spettatore di una donna sola che non ha perso le forze. Critici d’arte, ammiratori del talento dell’artista e veri intenditori d’arte considerano questo quadro uno dei migliori autoritratti di Kahlo, creato da lei nel periodo maturo della creatività.

Torna su