Mosé, 1945 Frida Kahlo

Mosé 1945 Frida Kahlo

Questo dipinto è stato riconosciuto come secondo premio nella mostra d’arte annuale al Palacio de Bellas Artes ed è talvolta indicato come il “Nucleo della creazione”. Ma Frida Kahlo lo chiamava “Mosè” in una descrizione scritta di questo dipinto.

Questo dipinto è stato commissionato da Don José Domingo Lavín. Lavin ha chiesto a Frida Kahlo di leggere il libro di Freud Mosè e il monoteismo e di descrivere la sua comprensione e interpretazione di questo libro. Prima di questo, Frida dipinse un ritratto della moglie di Lavín nel 1942. Questo dipinto è stato disegnato come un murale in miniatura, forse a causa dell’influenza del suo famoso marito Diego Rivera, famoso come muralista. In questo dipinto, al centro c’è un bambino abbandonato con un terzo occhio sulla fronte. Il viso di questo bambino assomiglia a Diego Rivera e Frida lo dipinge sempre con il terzo occhio della saggezza negli altri suoi dipinti. La nascita è sotto un sole fiancheggiato da eroi, dei, altri esseri umani e le mani della morte. In primo piano c’è un bambino nella conchiglia e che getta acqua nella conchiglia. Frida lo definì un “simbolo dell’amore”. Ci sono rami che si estendono dai tronchi degli alberi morti. In molti dei suoi altri dipinti, Frida lo usa per riferirsi al ciclo della vita e della morte nel mondo.

Ho letto il libro solo una volta e ho iniziato a dipingere con la mia prima impressione. In seguito l’ho riletto, e devo confessare che ho trovato il mio lavoro più inappropriato e molto diverso dall’interpretazione che Freud analizza così meravigliosamente nel suo [libro] Moses. Ma ora non c’è modo di cambiarlo”.

Torna su