Ritratto di Alejandro Gómez Arias, 1928 Frida Kahlo

Ritratto di Alejandro Gómez Arias 1928 Frida Kahlo

Questo è un ritratto del primo amante di Frida, Alejandro Arias. Questo ritratto è stato eseguito in uno stile completamente diverso in contrasto con la modalità rinascimentale dei suoi dipinti precedenti. È stato dipinto in stili di ritratto convenzionali. La nota nell’angolo in alto a destra della tela scriveva Frida: “Alex, ho dipinto con amore il tuo ritratto, che è uno dei miei compagni per sempre, Frida Kahlo, 30 anni dopo\”. Frida incontrò Alejandro Arias nel 1922 quando iniziò le sue lezioni alla National Preparation School di Città del Messico. La giovane coppia si innamorò e rimase indivisibile per i successivi tre anni. Alex, come lo chiamava Frida, era con lei quella notte piovosa del settembre 1925 quando l’autobus su cui viaggiavano fu investito da un tram. Alejandro ha appena riportato lievi ferite. Frida è rimasta gravemente ferita e i chirurghi dell’ospedale della Croce Rossa hanno pensato di non poterla salvare. Alejandro ha fatto tutto il possibile e ha convinto i chirurghi a curare Frida. Senza la sua perseveranza, Frida non potrebbe sopravvivere. Frida ha scritto numerose lettere ad Alex mentre era in ospedale e si stava riprendendo. Nelle sue lettere si lamentava del dolore e della sua disabilità, chiedendo spesso “cosa accadrà tra 30 anni” o “come sarò quando avrò 30 anni”.

Torna su